mercoledì 27 novembre 2013

Vita sulla Terra: da consumarsi preferibilmente entro 1,75 miliardi di anni

Anche la vita sulla Terra ha una sua data di scadenza, e arriverà ben prima della morte del sistema solare. Sappiamo che il Sole è una stella "di mezza età", nel senso che esiste da circa 5 miliardi di anni, e ne dovranno trascorrere altrettanti prima che entri nella fase instabile di Gigante Rossa, con cui la nostra stella andrà incontro ad un'alternanza di espansioni e contrazioni che altereranno le orbite di gran parte dei pianeti del sistema solare, mentre quelli più vicini saranno letteralmente inghiottiti da essa. 
Ben prima che possa concretizzarsi quest'apocalittico scenario, tuttavia, la vita sulla Terra sarà già finita da un pezzo, e di certo non per colpa nostra. Ogni pianeta infatti, per poter ospitare la vita, deve trovarsi ad una distanza dalla propria stella che è definita "distanza di abitabilità", cioè la minima distanza alla quale su un pianeta riesce ad esistere acqua allo stato liquido. In un lasso di tempo compreso tra 1,75 e 3,25 miliardi di anni, il nostro Sole comincerà ad assumere una massa ed una luminosità tali da far evaporare gli oceani presenti sulla Terra, con la conseguente e progressiva scomparsa delle forme di vita che in quel periodo saranno ancora presenti. 
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Astrobiology da un team dell'Università dell'East Anglia, che è riuscito ad elaborare un modello matematico in grado di stimare il tempo in cui un pianeta rimane nell'ambito della "zona di abitabilità", sfruttando i dati provenienti dai modelli sull'evoluzione stellare, ed hanno dedotto che Marte, ad esempio, si troverà nella zona di abitabilità quando ormai la vita sulla Terra avrà cominciato il suo inesorabile declino verso l'estinzione totale delle specie viventi. I ricercatori hanno applicato questo modello anche ad altri pianeti, cosiddetti extrasolari, ossia orbitanti intorno a stelle distinte dal nostro Sole, ed hanno scoperto che il periodo in cui un pianeta resta nella zona di abitabilità è, in gran parte dei casi finora analizzati, inversamente proporzionale alle dimensioni della stella intorno a cui ruota: questo significa che, in parole povere, più grande è la stella, minore è il tempo che il pianeta trascorre in condizioni abitabili.
Tale studio è fondamentale per l'esobiologia - la scienza che cerca forme di vita nello spazio - perché affinché su un pianeta possa comparire ed affermarsi qualche forma di vita, è necessario del tempo, e se il tempo affinché compaiano forme di vita è connesso alla durata del "tempo abitabile", a sua volta legato alle dimensioni stellari, l'equazione di Drake potrebbe vedere la comparsa di nuove interessanti variabili.

Rushby AJ, Claire MW, Osborn H, & Watson AJ (2013). Habitable zone lifetimes of exoplanets around main sequence stars. Astrobiology, 13 (9), 833-49 PMID: 24047111

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento su questo post: